Klæbo vince la Coppa del Mondo. 4° De Fabiani 6° Pellegrino

24 Marzo 2019
(3 Voti)
Author :  

Johannes Høsflot Klæbo si traveste da Petter Northug, sceneggiando un finale thrilling nella gundersen su 15km in skating delle Finali di Quebec City. Il norvegese partiva con un margine di oltre 50" su Alex Harvey e Alexander Bolshunov, l'unico rimasto a frapporsi alla conquista della seconda Coppa del Mondo consecutiva da parte del 22enne di Trondheim.

I due inseguitori si sono riportati piuttosto velocemente sulla testa della gara con Bolshunov che ha provato ad alzare l'andatura nel finale per mettere in crisi il rivale, ma a poche centinaia di metri dal traguardo Klæbo ha cominciato il suo sprint con un guizzo in salita chiudendo la partita.

Nella volata per il 2° posto, Harvey supportato da sci velocissimi ha risucchiato Bolshunov e si è tolto l'enorme soddisfazione di vincere la tappa con il miglior tempo di giornata all'ultima recita della carriera. 8° successo della carriera che gli permette di raggiungere la cifra di 30 podi. Chapeau!

Dal canto suo, Bolshunov si è impegnato al massimo per conquistare la prima storica Coppa del Mondo per la Russia maschile, ma le energie nel finale per impensierire il rivale, decisamente più avvezzo agli sprint, non sono state sufficienti. Il 22enne ha comunque vinto la coppa distance e si è portato a quota 21 podi in virtù del 3° posto delle Finali e il 2° miglior tempo di giornata. Il 3° tempo nella gundersen è stato realizzato da uno straordinario Simeon Hamilton nelle retrovie. 

Pure l'Italia può festeggiare un'ottima conclusione di stagione grazie alle sue punte, particormente protagoniste in questa gara. Francesco De Fabiani ha vinto la volata del gruppo degli inseguitori ottenendo un altro 4° posto dopo quello della gara di ieri. Il gressonaro ha fatto segnare il 6° tempo di giornata, prendendosi il lusso di battere Emil Iversen 5° e uno strepitoso Federico Pellegrino 6°. Il poliziotto di Nus ha archiviato il miglior risultato della carriera in una gara distance con il 13° tempo di giornata e ora può pensare di ampliare il suo raggio d'azione in futuro. Chicco ha tutte le possibilità di diventare un fondista completo, ma dovrà crescere soprattutto nelle gare a cronometro. Un po' di rammarico per gli inconvenienti delle due gare precedenti. Senza quei problemi sarebbe stato ipotizzabile avere gli azzurri insieme a Harvey e Bolshunov.

Messi dietro gli altri big norvegesi, nell'ordine 7° Simen Hegstad Krüger, 8° Didrik Tønseth, 9° Sindre Bjørnstad Skar, 10° Sjur Røthe. Fuori dai punti gli azzurri Maicol Rastelli 42° e Giandomenico Salvadori 53°.

In classifica di Coppa del Mondo, De Fabiani e Pellegrino chiudono la migliore stagione della carriera al 7° e 8° posto. Vittoria ovviamente a Klæbo davanti a Bolshunov e Røthe.

 

Classifica Finali di Coppa del Mondo uomini

Top