Graabak e Riiber vincono la team sprint in Val di Fiemme

12 Gennaio 2020
(1 Vota)
Author :  

Come da pronostico della vigilia, è la squadra Norvegia I, composta da Joergen Graabak e Jarl Magnus Riiber, ad aggiudicarsi la team sprint di Coppa del Mondo di combinata nordica, disputatasi quest'oggi, domenica 12 gennaio 2020, sulle nevi della Val di Fiemme.

Dopo il segmento di salto di Predazzo, il duo scandinavo partiva con 2 secondi di ritardo dai giapponesi Ryota Yamamoto e Akito Watabe, subito ripresi nella prima metà del giro d'esordio: dal momento del sorpasso ai danni dei nipponici, il duo norge ha iniziato una gara a sé, dominandola fino agli ultimi metri con intelligenza tattica e una saggia gestione del ritmo sugli sci stretti, tanto che Riiber, prima del traguardo, ha avuto il tempo di rallentare e di esultare di fronte al pubblico in visibilio, portandosi una mano all'’altezza della fronte per poi guardarsi ironicamente intorno e constatare di aver fatto il vuoto.

Alle spalle della Norvegia I, la battaglia è stata serrata sino alle sue battute finali: a conquistare il secondo posto è stata la Germania I di Fabian Riessle e Vinzenz Geiger, con quest'ultimo che, in volata, ha avuto la meglio su un'ottima Austria II (Lukas Greiderer e Martin Fritz), capace di scalzare dal podio i connazionali Franz-Josef Rehrl e Lukas Klapfer.

Distanziata a circa due giri dalla conclusione la Norvegia II (Espen Bjoernstad e Jens Luraas Oftebro), quinta e quasi ripresa da una super Finlandia I (Ilkka Herola ed Eero Hirvonen), partita dodicesima con 1:52 di ritardo dal duo nipponico di testa. Già, e il Giappone? Il duo Yamamoto-Watabe si è confermato debole sugli sci, perdendo progressivamente posizioni e scivolando mestamente al nono posto, con due minuti di ritardo dai vincitori.

Ottima la rimonta costruita dall'Italia I: l'azione di Alessandro Pittin e Samuel Costa ha permesso agli azzurri di centrare la settima piazza, addirittura davanti alla Germania II (Eric Frenzel e Johannes Rydzek), che partiva con 48 secondi di margine sui nostri portacolori. Bene anche la compagine Italia II (Lukas Runggaldier-Raffaele Buzzi), quattordicesima a 2:50.1 dal tandem Graabak-Riiber.

Doppiate cinque squadre: Giappone II, Polonia, Russia I, Russia II e Slovenia.

LA GARA

Nelle prime battute, Graabak (Norvegia I) sopravanza con facilità Yamamoto (Giappone I): un altro passo per il norvegese, con il distacco che si fa sensibile nel secondo giro, quando Riiber scava una voragine fra sé e Watabe. Dietro, è bagarre per il terzo posto, con la Norvegia II a difendersi dal prepotente ritorno di Austria I, Austria II e Germania I.

Al terzo cambio, Graabak-Riiber hanno già la vittoria in tasca, mentre gli inseguitori si sono nel frattempo riportati sul Giappone I.  Situazione invariata a metà gara, con il secondo posto in bilico e il Giappone che fatica sempre più a rimanere agganciato al gruppone in lotta per il podio, per poi staccarsi del tutto all'alba della sesta frazione.

Geiger (Germania I), a margine del sesto cambio, consolida il secondo posto della sua squadra, mentre Graabak arriva a doppiare la Slovenia. Recupera posizioni, intanto, l'Italia I (Pittin-Costa), che si porta a 1:28 dalla vetta. Il tedesco Riessle, dopo il cambio con Geiger, viene però ripreso da Austria I e Austria II. Più indietro la Norvegia II.

Il nono giro inizia con le solite gerarchie e con l'Italia I e la Finlandia I che riescono nell'impresa di agganciare il Giappone I. Greiderer (Austria II) e Riessle (Germania I), con una grande azione in ascesa, staccano Rehrl (Austria I), ma Klapfer (Austria I) si riporta sotto, a testimonianza di un'ottima condizione fisica. Finisce con Riiber che taglia il traguardo in solitaria e l'arrivo in volata di Germania I, Austria II e Austria I, che terminano la prova in quest'ordine.

CLASSIFICA FINALE

1. Norvegia I (J. Graabak-J.M. Riiber) 33:19.0

2. Germania I (F. Riessle-V. Geiger) +43.8

3. Austria II (L. Greiderer-M. Fritz) +44.3

4. Austria I (F.J. Rehrl-L. Klapfer) +45.9

5. Norvegia II (E. Bjoernstad-J.L. Oftebro) +1:15.4

6. Finlandia I (I. Herola-E. Hirvonen) + 1:21.3

7. Italia I (A. Pittin-S. Costa) +1:35.2

8. Germania II (E. Frenzel-J. Rydzek) +1:38.9

9. Giappone I (R. Yamamoto-A. Watabe) +2:00.6

10. Francia (A. Gerard-L. Muhlethaler) +2:08.8

L'altra coppia italiana

14. Italia II (L. Runggaldier-R.Buzzi) +2:50.1

CLICCA QUI PER LEGGERE LA CLASSIFICA COMPLETA

Top