Redazione

Redazione

Suspendisse at libero porttitor nisi aliquet vulputate vitae at velit. Aliquam eget arcu magna, vel congue dui. Nunc auctor mauris tempor leo aliquam vel porta ante sodales. Nulla facilisi. In accumsan mattis odio vel luctus.

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

46.a Marcialonga di Fiemme e Fassa domani da Moena a Cavalese

Marcialonga Story - passeggiata vintage sugli sci da fondo

Al via anche i campioni olimpici Nikita Krjukov e Marco Albarello

 

Se la Marcialonga di Fiemme e Fassa di domani sarà una delle più “olimpiche” di sempre, con una sfilata unica di campioni olimpici tra i quali Zorzi, Bettini, Chechi e Antonio Rossi, la Marcialonga Story odierna non ha voluto essere da meno presentando al via nientemeno che il fuoriclasse Nikita Krjukov, tre ori mondiali e uno olimpico, il quale parteciperà anche alla 46.a edizione della ski-marathon. Il fondista russo non ha voluto perdersi la passeggiata storica di 11 km da Lago di Tesero a Predazzo con sci e abbigliamento d’epoca, consigliato da un amico sulla bellezza della manifestazione collaterale di Marcialonga: “Una bella scusa per saggiare il manto innevato della Marcialonga prima della partenza ufficiale, gli sci me li ha dati il comitato organizzatore, mentre l’abbigliamento vintage mi è stato prestato da un amico, ora sono a tutti gli effetti un retro-athlete. Mi sono allenato bene e vedremo come andrà la Marcialonga, dove di certo il ritmo sarà maggiore”. La “Story” non è competitiva, vuole essere un inno al vintage e un ricordo dello sci di fondo del passato, ma Krjukov senza far troppa fatica è riuscito a portarsi a casa la settima edizione. Ai nastri di partenza anche un altro campione olimpico, questa volta azzurro, Marco Albarello: “Mi tocca rispolverare il vecchio motto decoubertiano: “L’importante è partecipare! Davvero una manifestazione unica e il perfetto contorno alla Marcialonga tradizionale. Domani sarò al commento tecnico della gara in diretta”.

“Non sapevo di avere un campione olimpico davanti! Ci divertiamo… Ringrazio gli sci della famiglia Boninsegna”, afferma Ivan Debertolis, terzo classificato. Più avvincente la Marcialonga Story femminile, con Nicoletta Nones – coordinatrice del Gruppo Sportivo Castello che realizza lo Skiri Trophy per bambini da poco disputatosi a Lago di Tesero, a ‘lasciare’ il marito con il quale doveva fare la gara: “Non avrei dovuto aspettarlo!” per tentare di andare a riprendere la vincitrice Sofia Zorzi, un nome importante in queste zone: “Nessun grado di parentela con Cristian… è la terza partecipazione per me, ma non sono allenata per gareggiare anche domani”. Ogni anno il tracciato della Marcialonga Story viene tabellato con una targa che ad ogni chilometro ricorda un partner o un personaggio importante. Quest’anno il km 2 è dedicato alla Polizia di Stato e il presidente Angelo Corradini ha consegnato loro la targa: “Questa collaborazione è sempre esistita, dalla nascita dalla Marcialonga”.

Alla partenza dal Centro del Fondo di Lago di Tesero appassionati di ogni tipo, genere e nazionalità, come Mario Piva, classe 1928 e master Worldloppet, o atleti di appena sedici anni (età limite per partecipare) e concorrenti provenienti da Estonia, Russia e da molte parti del mondo. Gli sci dovevano essere antecedenti il 1976, con attacchi da 75mm di larghezza. Le scarpe e i bastoncini adeguati agli sci, così come l'abbigliamento, obbligatoriamente da sci da fondo corrispondente al periodo storico. Per chi non aveva – come nel caso di Krjukov – l’attrezzatura idonea, il comitato organizzatore ha messo a disposizione attrezzatura e equipaggiamento a noleggio, grazie anche alla collaborazione di Giuliano Boninsegna, la cui collezione personale di sci Nynsen, prodotti fra gli anni ’70 e ’80 proprio da lui e dai fratelli a Imer, nella valle di Primiero, è stata anche esposta per i curiosi oltre ad essere concessa per il noleggio. Un’edizione da “tutto esaurito” vinta da un campione olimpico, questa Marcialonga Story meglio di così non poteva andare.

 

Download immagini TV:

www.broadcaster.it

Confermati i Campionati Italiani e gli eventi giovanili
Enervit firmerà i pettorali della Coppa del Mondo
 
 

Le piste per la Coppa del Mondo sono pronte. L’anello di 5 chilometri richiesto dalla Fis è innevato, grazie all’impianto di neve programmata in funzione da giorni. E su quella stessa pista, che il 16 e 17 febbraio sarà solcata dai campioni, potranno gareggiare anche i tantissimi amatori che hanno inoltrato l’iscrizione per la MarciaGranParadiso e i tanti atleti che si contenderanno i titoli italiani.

 

A Cogne lo sguardo rimane fisso verso il cielo, aspettando la neve che potrebbe arrivare nei prossimi giorni. Intanto gli organizzatori, capitanati da Ivo Charrère, non si danno per vinti e proveranno in tutti i modi ad allestire la prova inserita all’interno del circuito Euroloppet. Portare i fondisti di mezzo mondo sulla pista dei grandi campioni della Coppa del Mondo: questa è la sfida di tutto lo staff.

 

Al momento è ancora difficile stabilire con esattezza il programma e il percorso di domenica 3 febbraio. Solo tra alcuni giorni verrà presa una decisione in merito, anche se in qualche modo sui Prati di Sant’Orso si gareggerà. È invece già stata annullata la skating di 25 chilometri di venerdì 1° febbraio, mentre sono confermate le prove tricolori.

 

Venerdì dunque spazio alle qualifiche e alle batterie finali della sprint skating valida per i Campionati Italiani. Sabato 2 febbraio invece, l’Individuale degli Italiani Assolut, mentre nel pomeriggio doppio appuntamento per i più piccoli con MiniMarciaGranParadiso e Vitalini Speed Contest.

 

CDM: BIGLIETTO DI INGRESSO A 5 EURO

Cogne Events ha deciso di introdurre un biglietto di ingresso per la due giorni di Coppa del Mondo. Gli adulti pagheranno un ticket di 5 euro per ogni giornata, un prezzo simbolico che aiuterà a sostenere le spese, con l’occhio rivolto anche alla beneficienza: 1 euro per ogni biglietto verrà infatti devoluto all’Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma Onlus.

 

BUDGET E SPONSORIZZAZIONI

Il budget per organizzare le gare del 16 e 17 febbraio è di circa 700 mila euro e in quattro mesi Cogne Events è riuscita a raccogliere oltre 200 mila euro di sponsorizzazioni. Non solo, molti cittadini hanno scelto di appoggiare l’evento versando di propria iniziativa un piccolo contributo che andrà ad aggiungersi alle entrate, ma che soprattutto ha riempito di gioia il cuore degli organizzatori che in questi ultimi mesi hanno percepito la vicinanza della popolazione, in prima linea per la buona riuscita dell’evento. Di fondamentale importanza anche i contributi pubblici: 200 mila euro della Regione Autonoma della Valle d’Aosta e 100 mila euro del Comune di Cogne.

 

COGNE ALLA FIERA DI SANT’ORSO

Il 30 e 31 gennaio, in occasione della Fiera di Sant’Orso, Cogne Events sarà ospite nel padiglione enogastronomico nel cuore della città per presentare la Coppa del Mondo e i suoi eventi collaterali. Sarà possibile ricevere informazioni, così come sarà possibile acquistare i biglietti per assistere alle gare e per aiutare i bambini malati.

 

QUOTES

Ivo Charrère: «Se non potremo correre regolarmente la MarciaGranParadiso di domenica, opteremo per un’altra formula promozionale. Daremo comunque la possibilità agli amatori di sfidarsi sulla pista che pochi giorni dopo ospiterà il ritorno della Coppa del Mondo».

 

Filippo Gérard: «Non abbiamo allestito solo delle gare, ma abbiamo voluto valorizzare il nostro evento con tutta una serie di iniziative. Ci è sembrato giusto chiedere un piccolo contributo per la riuscita della Coppa del Mondo, per non gravare sulle casse pubbliche e per aiutare i meno fortunati. Le gare e la neve sono una minima parte: Cogne ha pensato anche alla sostenibilità e al sociale. Inoltre, siamo contenti del risultato ottenuto dalle sponsorizzazioni: quattro mesi fa questi obiettivi erano tutt’altro che scontati. La manifestazione è molto sentita, lo dimostrano gli aiuti anche spontanei ricevuti. È un grande punto di partenza per tutti noi, perché il pericolo maggiore era rappresentato proprio dai costi».

 

ENERVIT FIRMA I PETTORALI

Enervit, Il brand che in questa stagione sta accompagnando in giro per il mondo Federico Pellegrino e la sua compagna Greta Laurent, è arrivato a Cogne proprio nelle ultime ore. Sarà il main sponsor della manifestazione e andrà occupare lo spazio ancora libero sui pettorali della sprint e dell’individuale.

 

COGNE PIACE AI PARTNER

Intanto a pochi giorni dalle gare, è quasi completo il quadro dei brand che si affiancano a Cogne Events con i title di partner e sponsor. Molte sono aziende che hanno sede fuori dai confini della Valle d’Aosta come Vibram, Alpigas del gruppo Autogas, Saitel Comunicazioni, Energiapura, Antica Drogheria del Castello, Rigo, Elle Erre, Eolo, Heart Ful Ness, Lavazza e Enel X.

 

E poi tante, tante realtà valdostane che daranno il loro sostegno per l’organizzazione delle gare e degli eventi collaterali. A fianco di Cogne Events ci saranno Banca Credito Cooperativo Valdostana, Sitrasb Spa (tunnel Gran San Bernardo), Lardo Bertolin, Suez Depuratori, Sitmb (tunnel Monte Bianco), Consorzio produttori e tutela D.O.P Fontina, Avda, Fleure Folle di Aosta, Contoz Petroli, ipermercato Gros Cidac, Saint-Roch Distillati, Fratelli Bisson, Cave Mont Blanc, Poésie cioccolato di Jean Mapelli, Acqua Sorgenti Monte Bianco, Cva Trading e Copro. I trasporti ufficiali sono affidati a Savda, Inva curerà gli accrediti di tutti gli addetti ai lavori, mentre Ascom ha scelto di intervenire sugli eventi collaterali e offrirà il concerto degli Orage.

 

Collaborazione anche con il Forte di Bard che consegnerà a tutti i visitatori un biglietto omaggio per vivere a bordo pista la sprint e l’Individuale della Coppa del Mondo. Ricoprono altresì un ruolo fondamentale la Pila Spa - con il suo presidente Davide Vuillermoz - che oltre a gestire gli impianti della Conca sopra Aosta, segue da qualche anno anche quelli di Cogne e Crévacol.

 

UNA LATTINA PERSONALIZZATA

L’azienda Les Bières du Grand St. Bernard sarà al fianco degli organizzatori come partner e sponsor. E per l’occasione produrrà una lattina celebrativa della Coppa del Mondo con una serigrafia esclusiva e da collezione. Una lattina 100% riciclabile che si potrà trovare nei tre punti ristoro ufficiali (due in pista, uno in Piazza Chanoux) oppure negli esercizi commerciali che aderiranno all’iniziativa. Oltre alla ‘birra ufficiale’, non mancheranno i prodotti tipici valdostani.

 

46.a Marcialonga di Fiemme e Fassa domenica 27 gennaio

Sabato 26 gennaio anche Minimarcialonga lungo un anello di 3 km

Iscrizioni apertissime a quota 10 euro comprendenti diploma e pacco gara

 

Uno degli appuntamenti da non perdere che anticiperanno la Marcialonga di Fiemme e Fassa sarà la Minimarcialonga, una sfida per bambini dai 6 ai 12 anni che si terrà sabato 26 gennaio alle ore 14 a Lago di Tesero. Il percorso da svolgersi in tecnica classica è un anello di 3 chilometri praticabile anche dai meno esperti, e un invito dedicato ai marcialonghisti per portare i figli a diretto contatto con la neve e la natura. Le iscrizioni alla quota di 10 euro comprendono diploma e pacco gara composto da pettorale, berretto e altre sorprese, e si possono effettuare online sul sito della manifestazione, presso la segreteria di Marcialonga entro le ore 12 di venerdì 25 gennaio, o direttamente al Centro del Fondo di Lago di Tesero sabato 26 gennaio dalle ore 9.30 alle ore 13.30. Tutti gli iscritti possono inoltre partecipare all’estrazione di 10 premi offerti da Craft e 6 premi offerti da Scame. Altri premi speciali gentilmente offerti dagli sponsor Marcialonga verranno riservati ai vincitori, al concorrente proveniente da più lontano e all'ultimo arrivato. Quest’anno, infine, tutti i bimbi che intendono iscriversi alla 34.a edizione potranno realizzare la propria opera creativa col tema “Viva i volontari della Marcialonga”, ovvero un disegno con qualsiasi tecnica inviando il tutto all’indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure consegnandolo presso la segreteria della Marcialonga a Predazzo, entro la giornata odierna. Agli autori dei 20 disegni più significativi verrà consegnato un omaggio in occasione della premiazione della Minimarcialonga. I disegni verranno poi affidati all’Associazione Padre Silvio Broseghini -Chankuap Trento ed inviati ai bambini della casa Padre Silvio Broseghini in Ecuador. E chi in passato vinse la Minimarcialonga (annata 2005) fu Giulia Stürz, la quale domenica per la prima volta sarà al via della Marcialonga. La teserana vuole ‘cambiare vita’ dopo le annate passate a cercare un piazzamento d’élite in Coppa del Mondo, ma prima di appendere gli sci al chiodo e dare l’addio alla divisa della Polizia sfodererà un ultimo ‘colpo’: partecipare alla Marcialonga di Fiemme e Fassa. Tutti in famiglia Stürz vi hanno partecipato, mamma Anna, papà Walter, le sorelle Elena e Silvia. E quindi da poche settimane a Giulia è nata la voglia di essere finalmente al via della mitica granfondo. “Ho deciso che è ora di smettere di praticare l’agonismo – dice Giulia - perché ho altri progetti. Tutti mi chiedevano di fare la Marcialonga, che è sempre stato anche un mio sogno anche se non sono specialista delle lunghe distanze. Quello che mi preoccupa è che mia sorella Silvia è molto più allenata di me, sarà anche una competizione tra noi due”. Giulia Sturz lasciò il segno nel Mondiale under 23 in Val di Fiemme… “Se ripenso al Mondiale Junior di Fiemme mi emoziono ancora, è l’unica cosa che mi fa ancora commuovere, in quella circostanza il risultato era inaspettato, certo, avevamo lavorato bene tutto l’anno, ma in un evento del genere non si può dare mai nulla per scontato. Era presente anche tutta la mia famiglia, si tratta del ricordo più bello della mia vita”. E ora che farà Giulia? “Farò un bel viaggio zaino in spalla, di sola andata per l’Asia, Nepal, Thailandia, Indonesia. Non so ancora per quanto, e a dire il vero non mi sono neanche posta il problema. Credo molto nel destino, parto senza programmare nulla, avendo solo qualche idea, il resto si vedrà”. Il ‘presente’ si chiama però Marcialonga: “Mi piacerebbe fare una buona gara durante la Marcialonga, anche perché mi sono allenata tutta l’estate. Quando ho deciso di smettere, ho passato un periodo in cui non mi sono allenata per niente, perché non stavo bene. Adesso ho ripreso ad allenarmi per cui desidero fare del mio meglio durante questa gara, in tutta serenità senza dente avvelenato. Il mio livello non è bassissimo, ma è molto tempo che non percorro tanti chilometri. Tutta la mia famiglia parteciperà alla gara, a parte Elena che dovrà stare in albergo, potrebbe crearsi una competizione nella competizione, una sfida con Silvia, che si è allenata bene. Non mi fermerò a tutti i ristori, come ho già detto, punto a fare bene questa Marcialonga, a divertirmi, ma mantenendo l’aspetto agonistico. Farà riaffiorare molti ricordi, mi verranno le farfalle allo stomaco, sono state belle emozioni. Le mie amiche mi hanno consigliato di non stressarmi troppo, che se riescono a farla loro con tre allenamenti all’anno ce la faccio anche io, ma in fin dei conti non è neanche una questione di agonismo, voglio chiudere un capitolo della mia vita divertendomi con serenità. Ci vediamo domenica a Cavalese!”.

 

leggi il comunicato

news

website

 

download foto1

download comunicati

facebook

press

 

download foto2

download immagini

 

 

 

 

Approvati dalla Giunta Coni i nomi dei partecipanti alla 14^ edizione degli EYOF, in programma a Sarajevo dal 9 al 16 febbraio

La 1084/a riunione della Giunta Coni, riunita oggi a Bolzano, ha approvato la composizione della missione italiana che parteciperà alla 14^ edizione del Festival Invernale della Gioventù Europea (EYOF), in programma a Sarajevo dal 9 al 16 febbraio.

Squadre partecipanti agli EYOF di Sarajevo 2019

Sci alpino

Maschi
Ploner Manuel (AA)
Franzoni Giovanni (VE)
Della Vite Filippo (AC)
Bendotti Matteo (AC)

Femmine
Teroni Chiara (VA)
Giordano Fulvia Diletta (CAM)
Mathiou Sophie (VA)
Belfrond Annette (VA)

Sci di fondo

Maschi
Ferrari Matteo (TN)
Sclisizzo Luca (FVG)
Pomari Pietro (VE)
Chiocchetti Alessandro (TN)

Femmine
Rossi Anna (AC)
Cola Francesca (AC)
Campione Silvia (TN)
Hutter Sara (AA)

Biathlon

Maschi
Canavese Stefano (Fiamme Gialle)
Petitjacques Francesco (VA)
Piller Cottrer Fabio (FVG)
Oberegger Daniel (AA)

Femmine
Passler Rebecca (Carabinieri)
Auchentaller Hannah (Carabinieri)
Zingerle Linda (AA)
Trabucchi Martina (VA)

Snowboard

Maschi
De Feo Milco (VA)
Cornacchione Pietro (AOC)

Femmine
Gennaro Emma (AOC)
Vachet Gaia (AOC)

Iscritti Dementiev ,Brigadoi, Korsgren, Pellegrini, Rosa, Kostner e molti altri

Ritiro pettorali oggi sino alle ore 18 e domani dalle ore 9

Il 7 luglio Mezza Maratona Alpe di Siusi completando la combinata “Ski & Run”

 

Moonlight Classic pronta a partire, una delle granfondo sciistiche più suggestive e romantiche del pianeta festeggerà la propria tredicesima edizione domani sera – 23 gennaio – sul manto innevato dell’altoatesina Alpe di Siusi. D’altronde il movimento romantico tra la fine del XVIII secolo e i primi decenni del XIX secolo proponeva l’idea di libertà come precetto fondamentale per l’individuo, e il carattere istintivo e fantastico della creazione artistica e letteraria, “fantasia” e “libertà” che non mancheranno di certo sull’altopiano ‘per tutte le stagioni’. A Compatsch ci sarà anche una serie di atleti di rango tra i quali spicca l’ex campione olimpico russo Evgenij Dementiev, ma anche il nostro Mauro Brigadoi del Team Trentino Robinson Trainer, l’azzurro più forte nelle granfondo in classico, pronto a battagliare anche alla Marcialonga di domenica. Tra le donne la svedese Lina Korsgren è aggiunta di prestigio, quinta assoluta nella graduatoria Visma Ski Classics, il circuito che racchiude le migliori granfondo del mondo. Al via anche l’atleta delle Fiamme Oro Sara Pellegrini, in compagnia di Virginia De Martin Topranin, Deborah Rosa, Ilenia Defrancesco e la finlandese Terhi Pollari, undicesima alla passata edizione della Marcialonga. Un parterre di prestigio che serrerà le fila con Mattia Armellini, Leonardo De Biasi, Florian Kostner, Daniele Coppi, Pavel Ondrasek e Daniel Herzog. Iscritti anche alcuni ‘locals’ quali Judith Moroder, Verena Dejori e Nathan Runggaldier, tutti dello Sci Club Gardena, a brillare tra le 1.000 fiaccole posizionate a bordo pista. I pettorali di partenza si potranno ritirare all’Ufficio Gare situato nell’area di partenza di Compatsch nella giornata odierna sino alle ore 18 e domani a partire dalle ore 9. A riscaldare la serata ci penseranno i polistrumentisti Pamstiddn Kings, prima della partenza degli atleti nei percorsi di 15 km e 30 km, in successione a partire dalle ore 20, senza dimenticare i concorrenti “Just for Fun” che si metteranno alla prova – scattando dalle ore 20.10 - in compagnia di una guida esperta per i praticanti dello sci di fondo. Terminata questa spettacolare passeggiata sugli sci stretti in notturna, l’APT Alpe di Siusi inizierà a programmare l’estate dove spiccherà la Mezza Maratona Alpe di Siusi del 7 luglio, con la possibile combinazione “Ski & Run” che genererà una classifica a sé stante volta a sommare i tempi degli atleti nelle due competizioni altoatesine. Turismo e sport vanno a braccetto sull’Alpe di Siusi.

Marcialonga di Fiemme e Fassa il 27 gennaio

Presenti fra i tanti l’assessore Failoni, Corradini, Lorenz, Marchesi

Tracciato di 70 km pronto, i campionissimi non si contano

 

Oggi, nella sede di ITAS a Trento, si è svolta la conferenza stampa di presentazione della 46.a Marcialonga di Fiemme e Fassa, al via il 27 gennaio con i tradizionali 70 km da Moena a Cavalese. Erano presenti il presidente di ITAS Fabrizio Lorenz, il presidente di Marcialonga Angelo Corradini, il presidente di Trentingrana Renzo Marchesi, l’assessore allo sport e turismo della Provincia di Trento Roberto Failoni, Paola Mora del CONI Trentino, il direttore generale di Marcialonga Davide Stoffie, il comandante delle Fiamme Oro di Moena Vittorio Zamparelli, Lorenzo Girardi di Visma Ski Classics, il team manager del Trentino Robinson Team Bruno Debertolis, l’atleta delle Fiamme Oro Giulia Stuerz, il testimonial e campione olimpico Cristian Zorzi e Chiara Zoppirolli del CeRiSM di Rovereto. Il percorso è pronto, dopo il grande sforzo per ricostruire i tratti distrutti dal maltempo di fine ottobre e produrre tantissima neve. Dunque Marcialonga sulla distanza di 70 km, e Marcialonga Light sulla distanza di 45 km fino a Predazzo.

Fabrizio Lorenz di ITAS fa gli onori di casa: “Marcialonga è una grandissima festa a livello internazionale, organizzazione capace di sfidare intemperie e tempo avverso grazie ai loro volontari, la miglior immagine del nostro Trentino nel mondo”. Roberto Failoni teneva ad esserci perché “…con Marcialonga chiudiamo una serie di gare e di feste per l’intera Val di Fiemme. Il ‘miracolo’ è avvenuto e la pista di 70 km è stata ultimata”. Per ovviare all’assenza di neve naturale, Marcialonga ha messo in funzione 30 cannoni, di cui 25 di proprietà e 8 gatti battipista. Angelo Corradini ha illustrato lo stato dei lavori: “Mai come quest’anno abbiamo sentito vicino a noi le istituzioni. Ai primi di novembre osservando la valle veniva da piangere, ma ci siamo guardati negli occhi decidendo di uscire con un comunicato che diceva: ‘Marcialonga si fa’. Poi qualche dubbio ci è venuto, ma piano piano si è fatto tutto, incredibile. Le previsioni danno molto freddo, ciò che serve per sciare”.

Marcialonga per allestire questo grande evento deve contare su una serie di partnership importanti. A parte quella di ITAS e di COOP, ci sono altri 4 marchi della Cooperazione che a turno monopolizzano il pettorale: Melinda, Cavit, Casse Rurali Trentine e Trentingrana (quest’anno toccherà a quest’ultimo).

Domenica 7.500 atleti di caratura mondiale e tantissimi amatori sfrecceranno tutti assieme appassionatamente sui binari da Moena a Cavalese, un tormentone che dura da tanti anni. Fra i probabili protagonisti alla prova Visma Ski Classics si possono citare Tord Asle Gjerdalen, Petter Eliassen, quindi i vari Nygaard, Aukland, Pedersen, Östensen, Chernousov e gli altri russi del team Futura Dementiev, Legkov, Kriukov, ma anche Panzhinskiy. Tra le donne oltre alle “solite” Norgren, Smutna e Slind, Bruno Debertolis conferma Justyna Kowalczyk.

Fra gli intervenuti alla conferenza anche l’atleta delle Fiamme Oro Giulia Stuerz, la quale ha narrato il perché di questa presenza: “Cambio completamente vita, partirò zaino in spalla con un volo di sola andata, abbandonerò la Polizia e la Marcialonga sarà l’ultima occasione per ringraziarli”. Nel 2006 a Torino Cristian Zorzi aveva zittito la folla portando la staffetta azzurra all’oro. Stavolta la staffetta olimpica sarà… alla Marcialonga: “Ho sempre accettato le sfide sportive di tanti miei amici, ma ora sono riuscito a portare tre nomi illustri: Antonio Rossi, Paolo Bettini e Jury Chechi, tutti forti a spingere. Bettini il primo a non tirarsi indietro nonostante sia quello con meno forza nelle braccia, Jury è titubante ma alla fine la faranno, io farò tutti i 70 km e poi tenterò di trainare il gruppo, da Bettini a Rossi sino a Chechi che percorrerà il tratto da Molina a Cavalese, visto che si è tirato un po’ indietro gli toccherà il pezzo più duro!”. Ci sarà anche Francesco Toldo, interista come Zorzi, insomma… “ci sarà da divertirsi”, conclude Cristian.

Nel lungo weekend a venire ci sono tante manifestazioni in una, ne ha parlato Davide Stoffie: “Abbiamo numerosi eventi collaterali tra i quali Minimarcialonga il sabato pomeriggio, con iscrizioni già chiuse a 550 partecipanti, Young per quelli un po’ più grandicelli, Baby per giocare sulla neve, il nostro motto è da 0 a 100 anni dove per “100” intendiamo Marcialonga Story, con la promozione degli sci di una volta”. Di Marcialonga Stars ha invece parlato Mario Cristofolini di LILT, anche uno dei fondatori della dama trentina: “Avere successo non è facile, ripetersi lo è ancora meno. Abbiamo voluto fare qualcosa anche per i meno fortunati, a Trento curiamo bambini con tumore al cervello che spesso vengono da lontano, perché il nostro è un centro specializzato. Noi li ospitiamo e con quello che riusciamo a raccogliere con questa bella passeggiata li aiuteremo”. Marcialonga ha un grande riscontro mediatico, soprattutto televisivo. Sarà in diretta domenica su RAI Sport, lunedì alle ore 17.30 per tre ore in differita su Eurosport2, e live un po’ in tutto il mondo. Ore 7.50 partenza donne, ore 8 partenza uomini.

Arrivederci a domenica!

Si chiude la lunga settimana dello Sci-O che in Austria ha visto svolgersi 6 gare di grande livello. Gli azzurri hanno fatto del loro meglio e oggi, nella gara valida per il World Ranking Event, sono stati protagonisti con ottime prestazioni.

In Women Elite la migliore è ancora Stefania Corradini che si piazza 4^, in 32':57",  seppur frenata da un dolore intercostale che le ha negato il podio. Bene pure Alice Ventura che è 13^. Vittoria per Petra Hančová, in 30':57"

Al maschile in evidenza Davide Comai che chiude 5°, mentre è 9° Francesco Corradini. Il successo è andato ancora allo svizzero Gion Schnyder in 30':48".

Tra le giovani della D20 la migliore italiana è nuovamente Rachele Gaio, 7^, Alice Sartori, 9^ e Debora Dalfollo, 11^.

Il commento finale spetta al CT Nicolò Corradini: "In Elite gli atleti sono tutti molto vicini con distacchi contenuti. Direi che la partecipazione alle gare dello Ski-O Tour e le altre è stata molto importante per capire quale sia attualmente il nostro livello. Tutti i ragazzi sono soddisfatti dei propri risultati".

Per gli azzurri ora un nuovo impegno di carattere internazionale con la partecipazione ai Campionati Europei che si tengono in Turchia, a Sarikamis dal 6 all'11 di febbraio. Partenza il 4 febbraio da Malpensa. 

Ancora da stabilire il programma di avvicinamento visto il probabile annullamento dei Campionati Italiani di Monte Pana del prossimo week end a causa della carenza di neve.

DONNE ELITE:

1. Hančová Petra  E OK Lokomotiva Pardubice 30:57
2. Mechlová Lenka  E OK Slavia Hradec Králové 31:09 + 0:12
3. Neumannová Kateřina  E VSK Přírodní vědy Praha 32:37 + 1:40
4. Corradini Stefania  Italian Orienteering Federation 32:57 + 2:00

UOMINI ELITE:

1. Schnyder Gion  Swiss - Ski O - Team 30:48
2. Belomazhev Stanimi Bulgarian Orienteering Federation 30:53 + 0:05
3. Horvát Petr SK Severka Šumperk 31:05 + 0:17
4. Matuš Vojtěch  Sportovní klub ve Vrbně pod Pradědem 32:32 + 1:44
5. Comai Davide Italian Orienteering Federation 32:52 + 2:04

9. Corradini Francesko  Italian Orienteering Federation 34:14 + 3:26

 

CLASSIFICHE COMPLETE

Nonostante le bizzarre condizioni meteo con gli ingenti danni di fine ottobre ed un inverno a dir poco anomalo anche quest'anno siamo in grado di poter confermare lo svolgimento della 42^ Lavazeloppet, gara  in tecnica classica che precede di pochi giorni la Marcialonga di Fiemme e Fassa.

Le condizioni delle piste a Passo lavazè sono ottime, se pur ridotte nei chilometri, grazie al grande lavoro dello staff  del centro Fondo Lavazè e ciò ci ha consentito di predisporre un tracciato di gare, sulle piste Campiol (3 giri) e Variante Malga Varena ( 2 giri) di 17,5 Km . Un tracciato  ben preparato e considerato ottimo ultimo allenamento prima della gara di domenica.  

La partenza è fissata alle ore 9.30 di giovedì 24 gennaio con apertura dell'ufficio gare a Passo Lavazè da martedì pomeriggio dalle ore 14.00 sino a giovedì 24 con orario  08.30 . 18.00.

Iscrizioni 30 euro aperte anche via mail con invio copia bonifico bancario a:  USLAVAZE@LIBERO.IT  sino a Martedì 22.01 ore 12.00  -  a seguire a 35 euro solo presso l'ufficio gare a passo Lavazè.

Pagina 2 di 523
Top